B.A.N.G. ai Teatri di Vetro

bb739a6fb9d349158c7350d4dd4330fc.jpgTeatri di vetro – Roma
La scena indipendente
Direzione artistica e organizzativa triangolo scaleno teatro
Dal 23 maggio al 1 giugno 2008 – Palladium e spazi urbani della Garbatella

1° giugno ore 22.30 Palladium palco:
Collettivo B.A.N.G./ Lara Martelli (ROMA) – B.a.n.g. barbarico atto nel giardino – 50’
Idea / Danza : L.Martelli; Video: W.Germondari, M.L.Spagnoli ; scrittura drammaturgica: A.Petrini; design
suono: M.Carozzi .Realizzato con il sostegno di: Steptext Bremen,CDN Roma ,Hangart Pesaro

Bang é un possibile titolo di un ipotetico giallo da risolvere, un intreccio di frammenti immagini che parlano della solita lotta tra luce/ombra ,esterno/interno,visibile/invisibile, ciò che sappiamo e ciò che non sappiamo. La danzatrice e attrice Lara Martelli interpreta tre ruoli di vittima carnefice detective. I linguaggi del teatro-videodanza-musica si alternano in un continuo divenire.

www.laramartelli.de
www.werthergermondari.com

La seconda edizione di TDV amplia la propria portata – censimento e ricognizione – alla regione Lazio e inserisce nel festival una finestra nazionale e un oblò internazionale. Non é soltanto un festival che vuole crescere. É la forma che assume il rilancio della trasformazione, elaborando nuovi criteri di selezione, programmando più di 40 artisti in 9 giorni, potenziando l’uso degli spazi urbani e approfondendone il significato in un incontro di discussione, aprendo spazi per parlare di formazione, di strumenti di emersione, di drammaturgia e presentando percorsi e libri; un festival che programma 30artisti non programmati lo scorso anno riaffermando il proprio carattere aperto e la propriapredisposizione al nuovo, e dove il nuovo non é un’estetica, ma, semplicemente, ciò che prima non era manifesto. Un festival fuori dal coro che mantiene e, se possibile, moltiplica la pluralità degli sguardi sull’arte, programmando in successione serrata, danza, teatro e tutto ciò che si sperimenta tra i due, ponendo, uno accanto all’altro, percorsi artistici consolidati ed esperienze recenti in un’ottica di trasversalità generazionale, che dà visibilità agli artisti che lavorano in solitudine come ai gruppi. Un festival che, alla seconda edizione, supera l’idea di essere fotografia di un territorio e si autodefinisce visione dei molti teatri a cui approda la creatività contemporanea, plurale per estetiche, linguaggi, pratiche e biografie.

 

La sintesi dell’azione di conoscenza realizzata attraverso ripetuti monitoraggi diviene programmazione e testimonianza che la nuova drammaturgia degli attori/autori, la danza solitaria e la coreografia collettiva, la sperimentazione musicale e la riscrittura di testi classici, l’uso delle nuove tecnologie e il teatro di immagine, la decostruzione dell’evento scenico sono solo alcune delle declinazioni espressive in cui, nel presente, l’arte della scena esprime se stessa alla ricerca della riformulazione del rapporto primario attore/spettatore.

Costruire e realizzare il luogo dell’incontro degli artisti e dell’intera comunità teatrale. Con questo obiettivo nasce TDV2. Un festival che é strumento di conoscenza e di studio anche per la direzione artistica. Un progetto artistico che progetta la propria estensione all’Europa.

Roberta Nicolai – Direzione – triangolo scaleno teatro

B.A.N.G. ai Teatri di Vetroultima modifica: 2008-05-29T16:00:00+02:00da liviabi
Reposta per primo quest’articolo