Chagall e i Bolscevichi all’Orologio

a1b7d59a12291b8fd7df60fea01a92bf.jpgTeatro Orologio – Sala Grande

Fino al 4 maggio ‘08

da martedì al sabato ore 21,00 – domenica ore 17,30

CHAGALL E I BOLSCEVICHI     

di Mario Moretti
con Daniele Serra, Stefano Thermes, Andrea Pangallo, Sara Greco Valerio, Valeria Colangelo, Mauro Vento, Livia Porzio, Chiara Saiella

Musiche dal vivo di Ugo Valentini e Gabriele Tortorelli
Regia di Giancarlo Fares

 
Nato in una Lituania annessa alla Russia fin dal ‘700,  russo ma estraneo alla Russia, ebreo,  Chagall viene colto,  nella presente sintesi teatrale, nei momenti più significativi della sua esistenza, che coincidono con la sua formazione artistica e la sua  affermazione solitaria nella magica Parigi degli anni che precedono la prima Guerra Mondiale, con il suo ritorno in Russia in seguito all’evento bellico, con la sua controversia con il potere bolscevico e, infine, con il suo ritorno in quella Parigi che consacrerà definitivamente la sua arte.
Chagall e i Bolscevichi all’Orologioultima modifica: 2008-04-28T09:00:00+02:00da liviabi
Reposta per primo quest’articolo