AntiFuturo per bamboccioni

58d47e7c55ba3bd45e45722f6ad0c62d.jpgRequiem per un’adolescenza prolungata
di Marco Bosonetto
Pag. 128 – Euro 10,00
I

Un giorno, la casa dei genitori non si apre davanti a Candido Neve che bussa per la cena. Nell’Italia del 2013 il Parlamento ha approvato l’idea di snidare i bamboccioni e renderli per legge “prima uomini, poi figli”. È nata la Campagna per lo Sradicamento dell’Adolescenza Prolungata. La CSAP aiuta mamme e papà a non cedere ai ricatti dei figli a carico. Gli eterni adolescenti dovranno arrangiarsi da soli.
Candido Neve era fiero di vivere come un intellettuale proletario. Non si concedeva nessun lusso, nessun orpello borghese come il cellulare o un lavoro. Con i suoi pantaloni di velluto lisi e la camicia a quadretti dai polsini sfilacciati, attendeva serenamente qualche evento che potesse scuotere i suoi trent’anni, e intanto recitava a memoria i passi preferiti del Maestro e Margherita di Bulgakov davanti allo specchio.
E ora, espulso dalla casa dei genitori, vagando in pigiama per le vie di una Torino multietnica, popolata di personaggi stralunati e mamme perennemente al cellulare, Candido è costretto a porsi rapidamente in una nuova prospettiva. Ma che cosa può inventarsi un intellettuale che nella vita si è nutrito solo di capolavori russi? Forse la Mosca del professor Woland non è poi così lontana…
Sarcastico e a tratti surreale, Requiem per un’adolescenza prolungata fotografa nitidamente una generazione che vorrebbe l’emancipazione senza piegarsi alla tirannia del posto fisso, e intanto attende il futuro comodamente seduta nel salotto di famiglia.
AntiFuturo per bamboccioniultima modifica: 2008-03-29T09:00:00+01:00da liviabi
Reposta per primo quest’articolo