Nell’aria che si fa limpida di Friedrich Nietzsche

7d42c2b64a44f8beb44f056f72348f48.jpgNell’aria che si fa limpida

di Friedrich Nietzsche 

 

Nell’aria che si fa limpida*

quando già il conforto e della rugiada

goccia a goccia scende sopra la terra,

non visto, non udito: –

poiché come chi sa consolare in dolcezza

la rugiada porta calzari leggeri – :

allora ricordi, cuore ardente, ricordi

come un tempo eri assetato

di lacrime celesti e pioggia di rugiada,

affranto, assetato, riarso,

mentre per l’erba gialla dei sentieri,

fra neri alberi ti correvano attorno

maligni sguardi del sole serale,

sguardi abbaglianti, accesi di gioia malvagia.

 

“Tu il pretendente della verità? Tu? – così ti schernivano –

No! Soltanto poeta!

un animale, astuto, rapace, strisciante,

che deve mentire,

mentire sapendo, volendo:

tutto teso alla preda,

in maschere di tutti i colori,

maschera a se stesso,

preda a se stesso –

questo – il pretendente della verità?

No! Solo giullare! Solo poeta! 

che parla in tutti i colori,

colori erutta da giullaresche maschere,

rampicando su ponti di mendaci parole,

su variopinti arcobaleni 

tra finti cieli

e finte terre,

vagando, strisciando –

solo giullare! Solo poeta! 

 

Scheda libro

Friedrich Nietzsche Le poesie

A cura di Anna Maria Carpi

Einaudi, Torino, 2000    

 

Cfr. nei Ditirambi di Dioniso, Nur Narr! Nur Dichter! (Solo giullare! Solo poeta, p.171). 

Foto di Villa Adriana di Livia Bidoli 

Nell’aria che si fa limpida di Friedrich Nietzscheultima modifica: 2008-07-20T09:00:00+00:00da liviabi
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Nell’aria che si fa limpida di Friedrich Nietzsche

  1. Ciao Livia, grazie per il tuo bellissimo commento sul mio fotoblog: avrei voluto risponderti prima, ma in questi giorni ci sono problemi con il log in dei commenti. Un saluto ^_^ Claudia

I commenti sono chiusi.